logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Umidità niente risarcimento

La Cassazione con l’ordinanza 15615/17, depositata il 22 giugno dalla sesta sezione civile, ha stabilito che se le infiltrazioni sono provocate da cause naturali come la condensa che si sarebbero ugualmente verificate il condominio ripara la facciata ma non risarcisce le infiltrazioni in casa dovute alla condensa.

Non è risarcito il proprietario dell’appartamento se dalla consulenza tecnica d’ufficio (CTU) disposta, emerge che le cause delle infiltrazioni di umidità sono naturali (condensa) e anche con un intervento del condominio (tinteggiatura dei vani interessati) il problema permane. Il tribunale, secondo quanto determinato dalla CTU, rilevava che la ragione delle infiltrazioni era da attribuire a «cause endogene (condensazione)» e solo in minima parte alle micro - fessure presenti nelle pareti esterne della facciata condominiale e, pertanto, condannava il condominio a eseguire i lavori indicati, rigettando nel resto la domanda risarcitoria. A differenza del primo giudice, la Corte di appello escludeva la responsabilità del condominio e le pretese risarcitorie. La Cassazione rileva che il proprietario dell'appartamento non ha diritto al risarcimento di danni se dalla consulenza tecnica preventiva emerge che i danni a causa delle infiltrazioni di umidità sono provocati da cause naturali, come la condensa, e che nonostante un eventuale intervento del condominio, il problema si sarebbe comunque verificato.

Categoria: Sentenze
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.