logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Se la delibera impugnata è parzialmente revocata, non può cessare la materia del contendere

Corte di Cassazione, con la sentenza n. 25709

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 25709 depositata il 30 dicembre 2016 ha stabilito che nelle cause aventi ad oggetto l'impugnazione delle delibere condominiali, alla loro parziale sostituzione – anche nella forma della revoca – non accede la cessazione della materia del contendere, con conseguente conclusione del giudizio ai soli fini della liquidazione delle spese (cosiddetta soccombenza virtuale).
Il perdurare dell'efficacia anche solo parziale della delibera oggetto di contestazione giudiziale dà diritto all'originario impugnante di ottenere una pronuncia che eventualmente dichiari l'invalidità della parte di deliberato contestato e non sostituito.
Una condomina impugnava una delibera di approvazione del rendiconto di gestione che tra le spese personali vedeva una voce a suo carico di diversi milioni di lire relativi a un decreto ingiuntivo chiesto e ottenuto contro la stessa e rispetto al quale era stata proposta opposizione.
A seguito di parziale rettifica del rendiconto condominiale, attraverso delibera revocativa della precedente che aveva approvato il suddetto rendiconto, la Corte di appello, cui la condomina aveva fatto ricorso a seguito di reiezione della domanda in primo grado, dichiarava cessata la materia del contendere condannando parzialmente il condominio alla refusione del 50% delle spese di lite sostenute dalla condomina originaria attrice. Questa riteneva comunque illegittima la decisione, poiché non aveva invalidato la delibera nella parte non revocata, e quindi decideva di ricorrere in Cassazione.  
In questo caso, non solo la parziale e non totale revoca della delibera oggetto d'impugnazione, ma anche la sentenza definitiva resa tra le medesime parti sul decreto ingiuntivo opposto lasciava impregiudicato l'interesse della condomina a ottenere una sentenza d’invalidazione del deliberato.
Con riferimento all'addebito delle spese legali – in assenza di valido titolo di condanna –, la Cassazione ha ricordato e ribadito che «è contrario a ogni principio generale del sistema normativo italiano e, in ogni caso, ai principi che governano i rapporti all'interno di un condominio che le spese affrontate per il recupero dei contributi dovuti dal condomino moroso siano posti interamente a carico del medesimo».

Categoria: Sentenze
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.