logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Colonnina ricarica auto elettrica condominio: le regole

Colonnina ricarica auto elettrica condominio: le regole
Un argomento sempre più discusso nelle assemblee condominiali è la ricerca di soluzioni di ricarica smart come la possibilità di installare Wallbox o Stazioni di ricarica nel condominio. Vediamo nel dettaglio.

Come installare Wallbox o stazioni di ricarica?

Un argomento sempre più discusso nelle assemblee condominiali è la ricerca di soluzioni di ricarica smart come la possibilità di installare Wallbox o Stazioni di ricarica nel condominio. Ma come installare Wallbox o Stazioni di ricarica? Vediamo nel dettaglio.

Installare stazioni di ricarica: ecco la suddivisione in due circostanze.

La richiesta di installazione di stazioni di ricarica viene fatta da un condòmino che dispone di un box/area privata. In questo caso gli basterà inoltrare una comunicazione all’amministratore di condominio che dovrà semplicemente effettuare tutti i controlli di sicurezza del caso. Di fatto gli interventi in spazi privati nel condominio, come l’installazione di stazioni di ricarica o di un impianto fotovoltaico, non necessitano di autorizzazioni specifiche ma devono comunque rispettare norme e requisiti di sicurezza.

Come effettuare la richiesta per l’installazione di stazioni di ricarica?

La richiesta di installazione viene fatta per installare la colonnina in un’area comune: in questo caso si dovrà presentare domanda e il progetto all’amministratore che a sua volta dovrà sottoporla all’assembra di condominio: per essere accolta basta la maggioranza (più della metà dei millesimi). Approvata la domanda si procederà al calcolo e quindi alla suddivisione delle spese per tutti quei condòmini che hanno aderito e che, di conseguenza, avranno la facoltà di usare l’impianto. 

Qualora altri condomini volessero usufruire della colonnina condominiale in un secondo momento, questi dovranno retroattivamente pagare la quota relativa alle spese sostenute. In caso di mancato ok dell’assemblea? Ecco cosa c’è da sapere.

Come procedere in caso di mancato ok dell’assemblea

Se durante l’assemblea non si raggiunge la maggioranza per l’ok, il singolo condòmino che ha presentato la richiesta di installazione può comunque montare la colonnina facendosi carico interamente delle spese d’installazione e di manutenzione assicurandosi che l'intervento non rechi danni alle parti comuni e non sia d'intralcio all'accessibilità. 

L'iter prevede la richiesta all'amministratore che deve convocare l'assemblea entro 30 giorni. Se la proposta non viene approvata dalla maggioranza, il richiedente può installare a proprie spese i dispositivi entro tre mesi dalla richiesta scritta.

Per maggiori informazioni potete contattare l'azienda MULTIUSER 0623236302

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.