logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Piante invadenti, cosa sapere

Piante invadenti, cosa sapere
Sono tante le motivazioni che ledono i rapporti di buona convivenza con il vicinato. Il più banale è forse quello che riguarda la presenza di piante troppo grandi che invadono casa altrui togliendo luce ed aria, oltre che creare sporcizia. Vediamo nello specifico!

Sono tante le motivazioni che ledono i rapporti di buona convivenza con il vicinato. Il più banale è forse quello che riguarda la presenza di piante troppo grandi che invadono casa altrui togliendo luce ed aria, oltre che creare sporcizia.

Questo è certamente è un problema che alle volte va evitato se non risolto quando è troppo tardi!

Anche qui la giurisprudenza interviene e lo fa nel seguente modo!

Piante invadenti, quali sono le regole?

Entrando nel merito della questione, in caso i regolamenti locali non dicano nulla, la norma a cui bisogna rifarsi si trova all’interno dell’art. 892 c.c. rubricato Distanze dagli alberi:

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se gli uni e gli altri non dispongono, devono essere osservate le seguenti distanze dal confine:

  • Tre metri per gli alberi di alto fusto. Rispetto alle distanze, si considerano alberi di alto fusto quelli il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili;
  • Un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto. Sono reputati tali quelli il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;
  • Mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.

Sopraggiunge quindi, nel caso in cui le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante a distanza di un metro, la possibilità di recidere periodicamente la pianta vicino al ceppo. Nello specifico la distanza viene misurata dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell'albero.

E quindi come comportarsi in merito? Scopriamolo!

Piante invadenti, come comportarsi

Abbiamo appurato che, a seconda del tipo di pianta, si fa riferimento ad una più chiara distanza da rispettare. Ovviamente non si parla di piccole piante da vaso ma una flora più ingombrante.

Ma come funzione se la stessa pianta è posta comunque ad una “distanza legale"?

Come sempre, la giurisprudenza ci viene in soccorso e lo fa attraverso l'art. 896 c.c che afferma:

  • Quegli sul cui fondo si protendono i rami degli alberi del vicino può in qualunque tempo costringerlo a tagliarli, e può egli stesso tagliare le radici che si addentrano nel suo fondo, salvi però in ambedue i casi i regolamenti e gli usi locali;
  • Se gli usi locali non dispongono diversamente, i frutti naturalmente caduti dai rami protesi sul fondo del vicino appartengono al proprietario del fondo su cui sono caduti.

Se a norma degli usi locali i frutti appartengono al proprietario dell'albero, per la raccolta di essi si applica il disposto dell'art. 843.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.