logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Per la revisione della tabella millesimale deve essere accertato un errore essenziale

Corte di Cassazione, II Sez. Civ., sentenza 04.10.2016 n. 19797

Secondo Corte di Cassazione, II Sez. Civ., sentenza 04.10.2016 n. 19797, per la revisione delle tabelle millesimali occorre che siano accertati errori essenziali nel calcolo del valore dei singoli appartamenti, errori sia di fatto (che attengono per esempio all'altezza, all'estensione, etc.) che di diritto (ad es. considerare n<span class="s1">e</span>ll'accertamento le circostanze irrilevanti a norma dell'ultimo comma dell'art 68 disp. att. cod. civ.).

Non possono essere considerati essenziali gli errori determinati dall'applicazione di criteri soggettivi nella valutazione dei singoli elementi necessari per la stima: sotto tale aspetto l'errore di valutazione non può mai essere ritenuto essenziale poiché non costituisce un errore sulla qualità della cosa a norma dell'art. 1429 n. 2 cod. civ. (cfr. Cass. n. 4421/2001).

Pertanto, il lamentato mutamento delle condizioni dell'unità immobiliare, che non incide sulla consistenza reale e sulle caratteristiche obiettive utili ai fini del calcolo del valore delle singole porzioni di piano, non è sufficiente per una revisione delle tabelle millesimali.

Categoria: Sentenze
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.