logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Luminosità e giardino aumentano il valore dell'immobile

Secondo l'ordinanza 11 settembre 2017 n. 21043 della seconda sezione civile della Corte di Cassazione ai fini della redazione e revisione delle tabelle millesimali, per determinare il valore di ogni piano o porzione di piano, occorre prendere in considerazione sia gli elementi intrinseci (quali l'estensione) sia gli elementi estrinseci (quale l'esposizione) delle proprietà esclusive, nonché le eventuali pertinenze (ad esempio, i giardini) e tutti gli elementi che migliorano il godimento dell'immobile e incidono sul valore effettivo.

Il giudice investito della domanda di revisione delle tabelle millesimali deve computare i valori di tutte le porzioni, tenendo conto di tutti gli elementi oggettivi (superficie, altezza di piano, luminosità, esposizione) che incidono sul valore effettivo di esse.

Vanno considerate poi anche le relative pertinenze (come i giardini) che determinano un miglior godimento e, dunque, un accrescimento del valore patrimoniale dell'immobile.

D'altronde, elementi come la luminosità e l'altezza incidono sulla quotazione patrimoniale dell'immobile e, quindi, non possono essere esclusi dal calcolo dei millesimi.

Categoria: Normativa
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.