logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Il tetto condominiale: chi paga?

Il tetto condominiale: chi paga?
Insieme delle opere destinate a preservare l'interno dell'edificio dagli agenti atmosferici, nella sua parte superiore, il tetto va a ricoprire pienamente questo definizione considerando anche la giurisprudenza all’interno del codice civile e l’articolo 1117.

Insieme delle opere destinate a preservare l'interno dell'edificio dagli agenti atmosferici, nella sua parte superiore, il tetto va a ricoprire pienamente questo definizione considerando anche la giurisprudenza all’interno del codice civile e l’articolo 1117 che individua proprio nel tetto tra le parti comuni dell'edificio, all’interno di una proprietà indivisa dei singoli condomini. Un soggetto inanimato che comunque richiama la sua attenzione e quella di tutti i condomini quando, per esempio, si nota piovere acqua dal tetto ed entro cui le infiltrazioni sono giunte perfino sulle scale creando dell’umidità tra le mura di colui che abita all’ultimo. Bisogna provvedere alla sostituzione delle tegole, isolare il sottotetto, provvedere al riparo delle parti rovinate. Ma cosa importante c’è da stabilire la suddivisione delle spese cui si andrà incontro tra chi presume di non dover pagare o chi magari preferisce pagare di meno: un grande problema insomma. E’ quindi lecito chiedersi: nel nostro condominio chi paga? Non è così semplice la risposta ed è quindi importante comprendere la situazione richiamando la giurisprudenza.

Il tetto condominiale e la sua proprietà

Il codice civile individua un elenco di spazi che si pensa siano sempre considerati condominiali, ad eccezione di un atto del notaio che ne dimostra la contrarietà. Tra questi spazi indicati vi è appunto il tetto identificato come una di quelle proprietà di tutti i condomini, servizi e beni necessari per l’esistenza dell’edificio, o quelli destinati in maniera continua all’uso di tutti, come le scale, il lastrico solare, le tubature verticali per acqua e gas.
Tutti i condomini risultano esserne proprietari insomma però in proporzione ai propri millesimi.

Il tetto condominiale, chi paga le spese dei danni

Quando parliamo di infiltrazioni causate e pervenute dal tetto, la spesa, considerata la giurisprudenza, viene suddivisa tra tutti i condomini (anche quelli dei piani più bassi o il semplice magazzino) in base ai rispettivi millesimi di proprietà. Partecipa ovviamente anche il condomino che risulta il danneggiato maggiore in questa situazione ma è identificato anche come danneggiante: il corrispettivo che dovrà versare quest’ultimo sarà diminuito della quota millesimale da lui dovuta.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.