logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Il regolamento di condominio può prevedere determinati requisiti e titoli per l'amministratore

Corte di Cassazione, sezione 2 civile, sentenza 30 novembre 2016 n. 24432

Secondo la Corte di Cassazione, sezione 2 civile, sentenza 30 novembre 2016 n. 24432, non sussiste alcuna violazione di legge nella previsione del regolamento condominiale che stabilisca le caratteristiche, i requisiti e i titoli che deve avere l'amministratore del condominio. Invero, in tema di condominio negli edifici, l'articolo 1138, comma 4, del c.c., pur dichiarando espressamente non derogabile dal regolamento (tra le altre) la disposizione dell'articolo 1129 c.c., la quale attribuisce all'assemblea la nomina dell'amministratore e stabilisce la durata dell'incarico, non preclude però che il regolamento condominiale possa stabilire che la scelta dell'assemblea debba cadere su soggetti (persone fisiche o giuridiche) che presentino determinate caratteristiche, requisiti o titoli professionali. Nella specie il regolamento di condominio prevedeva che «l'amministratore dovrà essere un libero professionista iscritto al rispettivo albo e/o associazione, ordine o collegio di appartenenza».

Categoria: Sentenze
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.