logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Danni per condensa naturale

Danni generati da condensa naturale in un appartamento del condominio

Secondo la Corte di Cassazione, ordinanza 22 giugno 2017 n. 15615, se i danni a un appartamento in condominio siano stati generati dalla condensa, e non dalle fessurazioni sulla facciata dello stabile, si tratta di fatto naturale, che si sarebbe verificato anche se il condominio avesse provveduto alla manutenzione.

Il Tribunale aveva ritenuto che, secondo quanto determinato dai C.T.U., la ragione delle infiltrazioni di umidità era prevalentemente da ricercarsi in cause endogene (condensazione) e solo in parte nelle micro fessurazioni presenti nelle pareti esterne dell’edificio condominiale.

La Cassazione ha ritenuto che si è trattato di un fatto naturale, che si sarebbe verificato anche se il condominio avesse provveduto alla manutenzione della facciata; ne ha tratte quindi le conseguenze, escludendo che questi ultimi danni potessero essere risarciti dal condominio.

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.