logo-ARPE
Home Speciali tecnici Contatti

Fisco: Arpe-Federproprietà, ci preoccupa la riforma catasto

Fisco: Arpe-Federproprietà, ci preoccupa la riforma catasto
16:11 (AGI) - Roma, 8 ott.

 

L’Arpe - Federproprieta’ continua a nutrire "forti perplessità" sul contenuto della legge delega di revisione del Catasto nella parte che mira ad attribuire agli immobili nuovi valori patrimoniali e rendite attualizzate in linea con i valori di mercato, mentre si trova sostanzialmente d'accordo con quella parte del provvedimento che detta norme dirette a facilitare all’Agenzia delle Entrate ed ai Comuni la ricerca degli immobili fantasma sconosciuti al Fisco attraverso l’adozione di nuovi strumenti operativi. 
    "Non è tempo di chiedere soldi agli italiani ma di darglieli”, dicono gli esperti dell'assicuazione, soprattutto considerando che il nuovo ddl delega una futura – ed attualmente imprevedibile – compagine governativa all’attuazione della riforma. Per Giovanni Bardanzellu, Presidente ARPE: “Preoccupano soprattutto gli interventi di Bankitalia e della Corte dei Conti che davanti alle Commissioni Finanze di Camera e Senato in fase di audizione si sono espresse nel senso che l’assenza di tasse sulla prima casa (che rappresenta l’80% del patrimonio immobiliare dei cittadini) è un’anomalia tutta italiana. Per questo temo che le affermazioni di Draghi si stiano per trasformare nel consueto ritornello che da anni i proprietari di case sono abituati a sentire, mentre subiscono tutte le conseguenze negative dei vari provvedimenti esistenti”.
Arpe, infatti, fa notare come attualmente nel nostro ordinamento oltre alla nota Imu ci siano altri tributi cosiddetti “pseudo patrimoniali” come l’Ivie (l'imposta sugli immobili detenuti all'estero), l'imposta sulle successioni e sulle donazioni e le imposte ipotecarie e catastali sui trasferimenti, queste ultime giustificate come tributi a fronte del servizio pubblico di iscrizione e trascrizione ma, essendo commisurate in percentuale al valore dell'immobile, di fatto sono delle vere e proprie patrimoniali. "Con la revisione dei valori catastali aumenterebbero anche questi tributi e non solo l’Imu", sostengono.(AGI)
PIT

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi tutti i mesi ARPENews con notizie su condominio, attualità e giurisprudenza:

mail_outline

Proseguendo accetti l'informativa Privacy.