Bonus ristrutturazioni

La circolare 18.11.2016 n. 43/E ha aperto nuove possibilità per il riconoscimento delle detrazioni casa, incluso bonus ristrutturazioni. Si legge, infatti, che il compenso deve essere certificato e contabilizzato in modo da essere tra quelli che concorrono a formare il reddito. L’Agenzia delle entrate, rispondendo a un contribuente che aveva acquistato un appartamento pagando con assegni bancari ed era intenzionato a usufruire della detrazione prevista dell’articolo 16-bis del Tuir, ha chiarito che, anche in assenza di bonifico, è previsto il riconoscimento del bonus ristrutturazioni, facendo appello alla lettera d), comma 1 dell’articolo citato, a patto che, come chiarito in altre occasioni, l’impresa fornisca al cliente l’attestazione dei costi sostenuti.