Amianto: obblighi di legge

a cura di HTR Bonifiche Amianto

Obblighi di legge per la gestione dei Materiali Contenenti Amianto, con riferimento ad Amministratori/Responsabili/Proprietari di Immobili con qualsiasi destinazione d’uso.

La gestione dei materiali contenti Amianto negli edifici è sicuramente una delle responsabilità più importanti in capo agli Amministratori degli stabili nei quali viene riscontrata la presenza di tali manufatti.

Al fine di fugare qualsiasi dubbio circa la possibile presenza di MCA (Materiali Contenenti Amianto) negli immobili, è bene far eseguire a ditte specializzate del settore un approfondito censimento dell’intero fabbricato finalizzato all’individuazione di tali passività ambientali.

Nel caso di rinvenimento delle suddette tipologie di manufatti, la normativa Italiana non prevede l’obbligo di rimozione dei MCA, ma lascia all’Amministratore la possibilità di scegliere tra due ipotesi di intervento:

  1. Rimuovere i materiali contenenti Amianto dallo stabile, affidando le operazioni di bonifica ad una impresa specializzata iscritta alla Categoria 10 dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali;
  1. Mantenere e monitorare i MCA, nel rispetto di quanto previsto dal Punto 4 dell’Allegato al D.M. 06/09/94, del quale riportiamo di seguito uno stralcio:

“Dal momento in cui viene rilevata la presenza di materiali contenenti amianto in un edificio, è necessario che sia messo in atto un programma di controllo e manutenzione al fine di ridurre al minimo l’esposizione degli occupanti.

Tale programma implica mantenere in buone condizioni i materiali contenenti amianto, prevenire il rilascio e la dispersione secondaria di fibre, intervenire correttamente quando si verifichi un rilascio, verificare periodicamente le condizioni dei materiali contenenti amianto.

4a) Programma di controllo

Il Proprietario/Amministratore dell’immobile e/o il responsabile dell’attività che vi si svolge dovrà:

  • designare una figura responsabile con compiti di controllo e coordinamento di tutte le attività manutentive che possono interessare i materiali di amianto;
  • tenere un’idonea documentazione da cui risulti l’ubicazione dei materiali contenenti amianto.
  • sulle installazioni soggette a frequenti interventi manutentivi (ad es. caldaia e tubazioni) dovranno essere poste avvertenze allo scopo di evitare che l’amianto venga inavvertitamente disturbato;
  • garantire il rispetto di efficaci misure di sicurezza durante le attività di pulizia, gli interventi manutentivi e in occasione di qualsiasi evento che possa causare un disturbo dei materiali di amianto. A tal fine dovrà essere predisposta una specifica procedura di autorizzazione per le attività di manutenzione e di tutti gli interventi effettuati dovrà essere tenuta una documentazione verificabile;
  • fornire una corretta informazione agli occupanti dell’edificio sulla presenza di amianto nello stabile, sui rischi potenziali e sui comportamenti da adottare.”

 

Per avere ulteriori informazioni www.gruppohtr.com